Potenziamento Educazione Motoria – Sport

Crescere con uno stile sportivo, non solo in campo o in palestra.

Questa la mission dell’ insegnante di Motoria della Scuola Gavia, Francesca Zardini, che non considera la capacità di praticare uno o più giochi sportivi, il fine ultimo dell’attività motoria.

La nostra docente, infatti, crede fermamente nell’importanza di insegnare alle alunne a vivere la competizione come momento di verifica di se stesse e non come scontro con l’avversario: imparano così a vivere correttamente la vittoria ed elaborare la sconfitta come crescita personale.

Mettere alla prova le nostre ragazze, a livello motorio, le porta a sviluppare o a migliorare l’ansia da prestazione, l’insicurezza di fronte alle situazioni da risolvere e a sviluppare l’attenzione per il particolare.

Lo sport scolastico non è, dunque, solo conoscere i fondamentali degli sport di squadra, saper saltare la corda, muoversi in modo continuo e coordinato o imparare le specialità dell’atletica.

Tutto questo è solo una piccola parte dell’ampio mondo che si apre durante lo svolgimento delle ore di educazione fisica.

Ecco perchè lo sport e le attività motorie hanno un importante ruolo nella crescita delle nostre alunne.

A livello sociale l’attività motoria, inserita nel programma della scuola secondaria di primo grado, ha un’importanza principale nel creare coesione e complicità nella classe, superare i momenti di collera e discussione non solo attraverso la parola, ma anche attraverso il gioco utilizzato come “metodo di confronto”.

Lo sport insegna il rispetto delle compagne, delle avversarie, delle regole e dell’arbitraggio che negli ultimi anni della scuola secondaria vede le stesse alunne come protagoniste.

L’educazione fisica mira a sviluppare quindi non solo le funzioni corporee e motorie ma anche le funzioni sociali, le funzioni affettive ed emotive e le funzioni cognitive.

On novembre 7th, 2017, categorie: Senza categoria di admin