School Bonus

Il credito di imposta per le erogazioni a favore delle scuole


Ø CHE COS’È LO SCHOOL BONUS

La legge sulla Buona Scuola (n. 107 del 2015 e Decreto MIUR 8 aprile 2016) prevede che i contribuenti – persone fisiche, enti non commerciali, soggetti titolari di reddito di impresa – possano effettuare erogazioni liberali in denaro in favore delle scuole del sistema nazionale di istruzione, statali e paritarie.

Al contribuente spetta un credito d’imposta pari al 65 % per le erogazioni effettuate nel 2016 e 2017 e del 50% per quelle disposte nel 2018. L’importo massimo ammesso all’agevolazione fiscale è pari a 100 mila euro per ciascun periodo d’imposta. Il credito d’imposta è ripartito in tre quote annuali di pari importo. La quota annuale non utilizzata può essere riportata in avanti senza alcun limite temporale. Per i soggetti titolari di reddito di impresa il credito d’imposta è utilizzabile, ferma restando la ripartizione in tre quote annuali di pari importo, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di effettuazione delle erogazioni liberali, esclusivamente in compensazione ai sensi dell’art. 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, e successive modificazioni.

I contribuenti scelgono liberamente la scuola da beneficiare e quest’ultima, ricevuta l’erogazione, ne devolverà allo Stato il 10% che confluirà in un fondo perequativo; quest’ultimo sarà distribuito alle scuole che risultino destinatarie di erogazioni liberali in un ammontare inferiore alla media nazionale.

Le erogazioni liberali devono essere finalizzate a sostenere investimenti per:

  • Realizzazione di nuove scuole;
  • Manutenzione e potenziamento di scuole esistenti;
  • Sostegno a interventi che migliorino l’occupabilità degli studenti.

Ø QUALI BENEFICI PER IL DONATORE

Esempio 1:

  • Nel 2017, una persona o un Ente non commerciale effettua alla scuola designata un’erogazione liberale pari a Euro 10.000 (tassativamente secondo le modalità indicate al punto successivo);
  • La scuola beneficiaria, ricevuti gli Euro 10.000, devolverà allo Stato Euro 1.000 il quale li utilizzerà a favore delle scuole che risultino destinatarie di erogazioni liberali in un ammontare inferiore alla media nazionale;
  • Il donatore usufruisce di Euro 6.500 di credito d’imposta che utilizzerà nel seguente modo:
  1. Euro 2.166,67 nel 2017
  2. Euro 2.166,67 nel 2018
  3. Euro 2.166,67 nel 2019

Esempio 2:

  • Nel 2018, la stessa persona o lo stesso Ente non commerciale dell’Esempio 1 effettua un’ulteriore erogazione liberale pari ad Euro 10.000 (tassativamente secondo le modalità indicate al punto successivo);
  • La scuola beneficiaria, ricevuti gli Euro 10.000, devolverà allo Stato Euro 1.000 il quale li utilizzerà a favore delle scuole che risultino destinatarie di erogazioni liberali in un ammontare inferiore alla media nazionale;
  • Il donatore usufruisce di ulteriori Euro 5.000 di credito d’imposta che sommerà a quelli dell’anno precedente.

Ø  COME L’EDRES UTILIZZERÀ I DONATIVI RICEVUTI GRAZIE ALLO SCHOOL BONUS

  • Sostituzione infissi esterni e interni
  • Ristrutturazione utimo piano per ampliamento aule e servizi
  • Adeguamento servizi igienici per garantire autonomia ai portatori di handicap
  • Adeguamento piano rialzato per ampliamento scuola dell’infanzia
  • Arredi aule e scuole dell’infanzia
  • Adeguamento cucine per realizzazione servizio interno mensa
  • Adeguamento Aula Magna
  • Realizzazione infrastruttura di rete
  • Rinnovo e adeguamento strumenti informatici e avvio nuovo progetto di gestione

Ø QUALI SONO LE MODALITA’ TECNICHE PER USUFRUIRE DELLO SCHOOL BONUS

Per beneficiare dello School Bonus è necessario procedere tassativamente nel seguente modo:

1.  Effettuare l’erogazione tramite bonifico bancario o postale intestato a

  • Associazione  EDRES
  • IBAN: IT29R0503411708000000046900.

2.  Nella causale del versamento deve essere riportato, nell’esatto ordine di seguito indicato:

a) Il codice fiscale dell’Associazione EDRES: 00972490239

b) Il codice della finalità alla quale è vincolata ciascuna erogazione, scelto tra i seguenti:

  • C1: realizzazione di nuove strutture scolastiche;
  • C2: manutenzione e potenziamento di strutture scolastiche esistenti:
  • C3: sostegno e interventi  che migliorino l’occupabilità degli studenti.

c) Il codice fiscale delle persone fisiche o degli enti non commerciali o dei soggetti titolari di reddito d’impresa che effettuano la donazione.

__________

Quindi se per esempio il signor Mario Rossi volesse effettuare un’erogazione liberale all’Associazione EDRES usufruendo dello School Bonus dovrà  effettuare un bonifico in questo modo:

  • Beneficiario:             Associazione EDRES
  • IBAN:                        IT29R0503411708000000046900
  • Causale :                   00972490239   C2  [codice fiscale Mario Rossi]

______________________________

Di seguito sono indicati i donativi ricevuti dall’Associazione EdRes grazie allo School Bonus.

Nel mese di gennaio 2017:

  • Euro 1.500, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 150,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel mese di Febbraio 2017:

  • Euro 2.240, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 224,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel mese di Marzo 2017:

  • Euro 2.186, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 218,60 pari al 10% della cifra ricevuta.

  • Euro 4.500, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 450,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel Mese di Aprile 2017

  • Euro 30.000, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 3000,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel Mese di Maggio 2017

  • Euro 5.000, da privato
  • Euro 5.000, da privato
  • Euro 200, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 1020,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel Mese di Giugno 2017

  • Euro 5.000, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 500,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel Mese di Luglio 2017

  • Euro 5.000, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 500,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel Mese di Novembre 2017

  • Euro   700, da privato
  • Euro 1.000, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 170,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel Mese di Dicembre 2017

  • Euro   1.000, da privato
  • Euro      300, da privato
  • Euro      500, da privato
  • Euro      178, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 197,80 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel Mese di Febbraio 2018

  • Euro      20.000, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 2000,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

Nel Mese di Giugno 2018

  • Euro      20.000, da privato

Come previsto dalla normativa, sono stati versati allo Stato Euro 2000,00 pari al 10% della cifra ricevuta.

On aprile 22nd, 2017, categorie: Attività, Genitori, Senza categoria di admin