Una sede, tre scuole, infinite opportunità


Gavia e Braida si sono trasferite in una nuova unica sede,

in Via Calatafimi, 12 , nella zona di Borgo Trento, nel Centro di Verona, nello stabile, dove fino a poco tempo fa, ha operato l’Istituto De Vedruna delle  Suore Carmelitane Della Carità.

Grazie agli spazi, sia interni che esterni, offerti dalla nuova location, a Gavia e Braida si è aggiunta la scuola dell’Infanzia ABiCi che, in accordo con le altre due scuole, si pone come obiettivo:

  • rendere i bambini protagonisti della loro crescita e del loro progressivo miglioramento attraverso una pedagogia positiva;
  • favorire l’autostima in un ambiente di cordialità e di affetto.

Tutto questo grazie a chi ha fortemente voluto iniziare il nuovo anno in questo nuovo indirizzo.

Reciprocità e  scambio empatico sono stati il vero motore di un trasferimento a tempo di record.

Scuola e Famiglia insieme hanno realizzato l’improponibile: il trasloco di due scuole e la sistemazione di una nuova grande sede in meno di un mese.

Dopo due settimane di intenso e indefesso lavoro per  traslocare banchi, cattedre, lavagne, sedie, fino all’ultimo gessetto e disegno appeso alle pareti, genitori, docenti e alunni  si sono trovati, il 20 di agosto, in Via Calatafimi ad affrontare la laboriosa  sistemazione di una sede molto grande.

Un’ impresa quasi impossibile, ma genitori e docenti “ci si sono messi dentro insieme” e, con insuperabile impegno, a fianco di operai e muratori, hanno tinteggiato porte e pareti,  e, ottimizzando al massimo i tempi, hanno ristrutturato classi, rimesso a nuovo soffitti, scale, mense e palestre.  Il giardino ha preso vita,  le siepi di cinta sono state potate, ogni imperfezione corretta e, dall’ingresso all’ultimo piano, ogni metro quadro di superficie ha preso vita e colore per accogliere gli alunni, puntualmente, il 12 settembre in un ambiente totalmente trasformato.

- Uno spettacolo – ha commentato Nadia Penazzi, Presidente dell’Associazione EdRes, ente gestore delle scuole – un prodigio di cui ringraziare tutti e ciascuno, genitori, docenti, alunni ed ex alunni, per la straordinaria capacità di stare insieme e fare squadra.


.